Regolamento del Torneo

Regolamento Generale del Torneo di Palo

Art. 1 – Il torneo si svolge presso l’Oratorio “Santo Stefano” di Concordia Sagittaria. Le squadre iscritte potranno ritirarsi dal torneo entro una settimana dall’inizio del torneo, senza perdere la quota versata; dopo tale data la somma versata non sarà più restituita.
Art. 2 – La quota di iscrizione al torneo é fissata in € 100 (cento) più € 20 (venti) di cauzione per eventuali provvedimenti disciplinari. La cauzione verrà restituita, su richiesta della squadra, entro e non oltre il 31 agosto 2018.
Art. 3 – All’atto dell’iscrizione le squadre dovranno indicare: I. nome della squadra; II. nome, cognome, età dei giocatori (allegare un documento di identità); III. nome del responsabile della squadra; IV. recapito telefonico.
Art. 4 – Le squadre iscritte saranno divise in 2 categorie, tesserati e amatori, collocate in un tabellone suddiviso in gironi all’italiana. Nella categoria amatori, non potrà essere in campo più di un tesserato (si considerano tesserati tutti i calciatori FIGC di età compresa tra i 16 ed i 35 anni)*. In caso di suddivisione fra amatori under 30 e over 30, negli over 30 non potrà essere schierato in campo più di un under 30. Il giocatore “fuori quota” dovrà indossare un segno distintivo (fascetta o altro). I gironi saranno formati mediante sorteggio che si terrà una settimana prima del torneo presso l’Oratorio “S. Stefano”. I calendari delle partite della prima fase verranno esposti circa tre giorni prima della data dell’inizio del torneo. *modifica del 04.07.2019
Art. 5 – Ogni girone, se raggiunto il numero necessario, sarà composto da 4 squadre. Le prime due classificate di ogni girone accederanno alla fase successiva del torneo che prevede una formula a eliminazione diretta. Nella prima fase, in caso di pari punteggio, per la determinazione della classifica si farà riferimento a: I. differenza pali; II. pali segnati; III. pali subiti.
In caso di ulteriore parità il verdetto sarà affidato ai calci di rigore (3 per ogni squadra). Nella seconda fase ad eliminazione diretta, in caso di parità il verdetto sarà affidato ai calci di rigore (3 per ogni squadra). Solo durante la finale si giocheranno 2 tempi supplementari di 5 minuti. In caso di ulteriore parità si procederà con la formula dei rigori (3 per ogni squadra, poi a oltranza). Nell’eventualità dell’effettuazione dei rigori ad oltranza, dovranno calciare tutti i componenti della squadra, indipendentemente dal numero dei componenti della squadra avversaria. La classifica per il 3°- 4° posto sarà stabilita dall’esito della finale.
Art. 6 – L’ordine delle partite sarà designato dagli organizzatori tenendo conto delle eventuali richieste sole se presentate entro la data dei sorteggi. Art. 7 – Per ogni giornata saranno giocate circa 6 partite con inizio alle ore 20.30. Gli orari delle partite saranno esposti in oratorio con almeno un giorno di anticipo dallo svolgimento delle stesse.
Art. 8 – La durata delle partite sarà di 20 minuti divisi in 2 tempi da 10 min. Tra il 1° e il 2° tempo non ci sarà intervallo. Causa i tempi ristretti, la squadra che non si presenterà in campo entro 10 minuti dall’orario di inizio della gara, verrà dichiarata sconfitta per quella partita con il risultato di 3-0 a tavolino.
Art. 9 – La determinazione della classifica fa riferimento alle norme della F.I.G.C. per il calcio a 11: partita vinta 3 punti, pareggio 1 punto.
Art. 10 – Ogni squadra é obbligata a presentare la lista dei giocatori che parteciperanno al torneo prima della prima partita, tale lista non potrà essere modificata se non per eventuali gravi infortuni.
Art. 11 – Le partite rinviate causa maltempo improvviso o sospese per lo stesso motivo e dunque annullate, verranno recuperate alla prima data utile e comunque a discrezione degli organizzatori.

Regolamento tecnico

Art. 1 – Le dimensioni del terreno di gioco sono: I. lunghezza m 25,80; II. larghezza m 13,40. III. L’area di rimessa é delimitata dalla prima linea gialla dopo la linea di fondocampo. IV. L’area di rigore é l’intersezione tra l’area di rimessa e l’area del tiro libero del Basket. V. L’area di invasione é un semicerchio di raggio metri 0,75 con centro il palo.
Art. 2 – Ogni squadra deve essere composta da almeno 6 giocatori, con un massimo di 10, di cui 4 in campo. I cambi sono volanti. Se, a causa di infortuni, alcuni giocatori sono impossibilitati a proseguire il torneo è possibile iscrivere altri giocatori, purché questi non abbiano già preso parte al torneo in corso.
Art. 3 – Non si possono iscrivere giocatori di età inferiore ad anni 16 compiuti.
Art. 4 – Si può segnare un palo direttamente sia su calcio di inizio che su rinvio da fondo campo: (solo se effettuato con i piedi): in questo caso il pallone deve aver toccato per terra prima del lancio. In caso di infrazione, se la palla rimbalza in campo, questa è da considerarsi in gioco.
Art. 5 – La rimessa dal fondo può essere effettuata sia con le mani che con i piedi. All’atto della rimessa dal fondo i giocatori della squadra avversaria non potranno superare la linea gialla (area di rimessa). La palla è da considerarsi in gioco dal momento in cui oltrepassa l’area di rimessa, e può essere toccata nuovamente dal giocatore che ha effettuato la rimessa stessa (è consentito quindi uscire dall’area di rimessa “palla-al-piede”). È consentito inoltre a un giocatore della stessa squadra di colui che effettua la rimessa, toccare il pallone prima che questo sia uscito dall’area di rimessa.
Art. 6 – La rimessa laterale può essere effettuata sia con le mani che con i piedi ed il pallone va lanciato verso un compagno, non addosso ad un avversario se non nel tentativo di guadagnare un corner. All’atto della rimessa laterale i giocatori della squadra avversaria dovranno posizionarsi ad almeno 1 m. dal giocatore incaricato della stessa. Non é possibile segnare direttamente su rimessa laterale, ma se il giocatore che effettua la stessa colpisce il palo e la palla rimbalza in campo, questa é da considerarsi in gioco; se su rimessa la palla colpisce un giocatore e finisce sul palo é punto.
Art. 7 – Un punto é segnato solo se il pallone colpisce la parte bianca del palo.
Art. 8 – Tutti i calci di punizione sono diretti (di prima).
Art. 9 – Se il pallone colpisce il tabellone di Basket o la parte alta del palo e rimbalza in campo è da considerarsi ancora in gioco.
Art. 10Ogni 3 corner viene assegnato un calcio di rigore, il dischetto é posto sulla linea del tiro libero del basket. Tiro libero e calcio di rigore si considerano battuti a gioco fermo.
Art. 11 – I giocatori che difendono il proprio palo non devono mai invadere l’area delimitata dalla linea tracciata (area di invasione) con nessuna parte del loro corpo. Si considera invasione anche quando uno dei giocatori che difendono il palo appoggia una mano sullo stesso anche se ha i piedi al di fuori della linea. In caso di invasione rilevata dall’arbitro, questi ne darà comunicazione al giocatore interessato ed al giudice di campo. La squadra che commette 3 invasioni sarà punita con un calcio di rigore. L’invasione, si perfeziona nel momento in cui il giocatore viene colpito dal pallone lanciato da un avversario mentre è all’interno dell’area di invasione stessa con qualunque parte del suo corpo e tragga vantaggio per questo impedendo il gol o il corner all’avversario.
Art. 12 – Nel caso in cui nella stessa azione si presenti l’eventualità di avere la seconda invasione ed il terzo corner, verrà calciato 1 rigore solo per l’invasione ed il corner non verrà conteggiato.
Art. 13 – Ogni fallo verrà conteggiato dalla giuria e, a partire dal 5° fallo di squadra compreso, verrà assegnato alla squadra avversaria un tiro libero dalla linea del calcio d’inizio, entro il cerchio di centrocampo. Ogni fallo successivo al 5° comporterà un ulteriore tiro libero. Il conteggio dei falli si azzera alla fine di ogni tempo di gioco. Tutti i falli commessi dentro l’area di rigore saranno sanzionati con un calcio di rigore. Tiro libero e calcio di rigore si considerano battuti a gioco fermo.
Art. 14 – Per ogni gara saranno designati 2 arbitri che dirigeranno la gara, per quanto non contemplato dal presente regolamento, secondo le regole della F.I.G.C. del calcio a 11.
Art. 15 – In caso di contestazioni (di qualsivoglia natura), varrà il giudizio INSINDACABILE degli arbitri e degli organizzatori.
Art. 16 – Dato il carattere della struttura che ospita la manifestazione, tutte le bestemmie verranno punite con un cartellino giallo. Qualsiasi espulsione, comporterà la squalifica del giocatore per la partita in corso e la sua squadra giocherà in tre uomini per 2 minuti, al termine dei quali potrà entrare un quarto giocatore diverso da quello espulso.
Art. 17 – I provvedimenti disciplinari presi dall’arbitro nei confronti dei giocatori durante lo svolgimento della partita, ovvero ammonizioni ed espulsioni avranno anche carattere pecuniario: I. Ammonizione: € 3 (tre); II. Espulsione diretta o per doppia ammonizione: € 6 (sei);
Art. 18 – I responsabili delle squadre partecipanti, all’atto formale dell’iscrizione, saranno invitati a leggere attentamente i regolamenti (generale e tecnico), in quanto con l’iscrizione stessa,dichiareranno di accettare in ogni sua parte questi regolamenti.
Art. 19 – Il calcio di rigore non può essere battuto “di suola”. In caso di infrazione il gioco riprenderà con una rimessa dal fondo da parte della squadra difendente.* *modifica del 04.07.2019
  N.B. L’EVENTUALE RICAVATO DEL TORNEO VERRÀ DESTINATO AD OPERE DI SOLIDARIETÀ E BENEFICENZA, PER QUESTO MOTIVO ALLE SQUADRE VINCITRICI NON VERRANNO CORRISPOSTI PREMI IN DENARO. L’ORGANIZZAZIONE DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ PER EVENTUALI DANNI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE O COSE. SI INVITANO I SIGNORI GIOCATORI E I DIRIGENTI A MANTENERE UN COMPORTAMENTO CORRETTO NEI CONFRONTI DEGLI AVVERSARI, DEGLI ARBITRI E DI TUTTI COLORO CHE PARTECIPANO O ASSISTONO AL TORNEO. BUON DIVERTIMENTO ! Il Palo Staff